Netminds presenterà il suo videogioco al Comicon 2015

16:42
immagine del videogioco che Netminds presenterà al Comicon
Anche Netminds sarà presente al Comicon 2015, il Salone Internazionale del Fumetto che si terrà a Napoli, presso la Mostra d'Oltremare, da giovedì 30 aprile a domenica 3 maggio 2015.

La nostra web agency presenterà il 30 aprile dalle ore 15:30 alle ore 16:00 il videogioco "Reverse Time Collapse" su cui sta lavorando da diversi mesi con lo spin off Meangrip che ha sede a Santa Monica (California) coordinando un team distribuito in tutto il mondo. All'evento parteciperanno Rocco Paladino, CEO di Meangrip, e Antonio Fucito, community manager di multiplayer.it, la più importante rivista online di videogiochi nonché media partner dell'edizione 2015 del Comicon.


"Reverse Time Collapse" permette di immedesimarsi con i membri di un team, composto da uno scienziato, un giornalista, un agente segreto (donna), che sono costretti a viaggiare a ritroso nel tempo dal 2040 alla New York del 2001 sino alla Dallas degli anni '60. Obiettivo: trovare un modo per tornare nel loro presente (2040) cercando di modificare gli eventi principali della storia: da Wikileaks all'assassinio di Kennedy, passando per la caduta delle Torri Gemelle ed immergendo il giocatore nel contesto dell'epoca.

Ne vuoi sapere di più? Non ti resta che venire al Comicon giovedì 30 aprile alle ore 15:30!

Come scrivere una Meta Description efficace

10:24
Come scrivere una Meta Description efficace
Fonte: Wikipedia - Milena Mitova
Anche se diverse correnti di pensiero affermano che non ha un impatto diretto per quanto riguarda il posizionamento su Google, è necessario capire come scrivere una meta Description efficace perché, spesso, i due righi presenti sotto il titolo all'interno delle SERP spesso possono essere decisivi affinché l'utente possa compiere l'azione che voi sperate. Quindi, proprio per questo, è necessaria la massima attenzione per poter svolgere il tutto al meglio nonostante,  a causa dei caratteri limitati che si possono usare (a meno che non si voglia ottenere l'effetto di una Meta Description tagliata), sia un'operazione assolutamente non semplice. In virtù di ciò, noi vi diamo tre consigli utili per poter usare questo meta tag in maniera ottimale e senza commettere errori che possano avere un impatto negativo sul vostro business.


Come scrivere una Meta Description efficace: tre suggerimenti

Senza fronzoli: A causa dei caratteri limitati, andate dritto al punto senza perdervi in chiacchiere (e caratteri) inutili. Volete che l'utente faccia una determinata azione? Usate una call to action efficace.

Scrivete per l'utente: Se la Meta Description pare non abbia un rapporto diretto con il posizionamento, è un motivo in più affinché scriviate per gli utenti. Non per Google. Del resto, non è Google che acquista i vostri prodotti...

Inserire referenze: Qualcuno ha parlato di voi in maniera positiva? Inseritelo nella Meta Description in modo da dare autorevolezza al vostro brand. Ovviamente tenendo sempre a mente che i caratteri disponibili sono meno di 160.


Vuoi migliorare il tuo posizionamento all'interno dei motori di ricerca? Contatta lo staff della web agency Netminds compilando il form contatti. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come usare Instagram per un e-commerce

09:49
E-commerce, come usare Instagram
Fonte: Wikipedia - Carobecquart
Il vostro sito web e-commerce non riesce a decollare e quindi non volete perdere un'importante fetta di mercato? Allora dovete prestare attenzione ad una delle applicazione che sembrano riscuotere maggior successo nell'ambito del commercio elettronico: Instagram. Numerose, infatti, sono state le aziende che, dopo aver sviluppato un portale dedito al commercio elettronico, successivamente attraverso un'idea a tratti anche originale da sviluppare anche attraverso questa app, hanno incrementato il proprio business. Uno degli esempi che viene menzionato maggiormente è il caso di Ikea Russia, che sull'applicazione di proprietà di Zuckerberg ha inserito un vero e proprio catalogo. In ogni caso noi vi forniamo tre utili suggerimenti per poter sfruttare al meglio Instagram, il cui utilizzo cresce sempre di più soprattutto tra gli adolescenti.

Tre suggerimenti su come usare Instagram per un e-commerce

Raccontare la propria storia con una foto: Instagram è un'applicazione che fa delle fotografia il suo punto di forza. Ebbene, oltre alle classiche foto dei prodotti sarebbe interessante nonché accattivante raccontare la propria storia attraverso le immagini. Una sorta di diario fotografico in cui vengono illustrati i momenti più significativi della storia di un brand. Sarebbe un buon modo per far sì che ci si possa interessare alla storia di un marchio e, quindi, generare anche fiducia.

Racconto di un evento: Hai organizzato un evento e vuoi rendere partecipe il tuo pubblico? Quale modo migliore di raccontare il backstage, gli sviluppi e l'andamento attraverso delle belle foto sfruttando anche i filtri di Instagram? Gli eventi sono un'opzione da non sottovalutare per quanto concerne lo sviluppo di una strategia di web marketing da parte di un e-commerce.


Corretto uso degli hashtag: Qui si entra più nel tecnico. Fra le strategie su come usare Instagram per un e-commerce, deve necessariamente figurare il corretto utilizzo degli hashtag. Non solo devono mantenere, comunque, una certa formalità ma anche essere corretti dal punto di vista ortografico. Il web, infatti, non perdona gli errori e ci sono utenti sempre pronti ad effettuare gli screen shot. 


Hai bisogno di sviluppare una strategia di web marketing per il tuo e-commerce? I professionisti che compongono lo staff della web agency Netminds sapranno trovare la migliore soluzione per te: non ti resta che compilare il form contatti. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come usare Pinterest per il tuo e-commerce

10:20
Come usare Pinterest per il tuo e-commerce
Fonte: flickr.com - methodshop .com
Il tuo portale di commercio elettronico è già presente su Facebook e Twitter ma cerchi un'alternativa per poter sviluppare al meglio tutto il piano di web marketing che vuoi organizzare? Allora devi comprendere come usare Pinterest per il tuo e-commerce. Pinterest è un social network sorto nel 2010 che permette la condivisione di foto, immagini e video che negli Stati Uniti ha ottenuto un successo strepitoso. Vero che in Italia non è ancora diffusissimo (il 5% della popolazione del nostro paese lo usa) ma le percentuali di conversioni sono molto alte e con numeri davvero molto interessanti. Insomma, fare a meno di Pinterest è davvero un peccato e, quindi, proprio per questo vi forniamo tre utili suggerimenti affinché possiate sfruttare al meglio la presenza del vostro e-commerce all'interno del social network.


Tre suggerimenti su come usare Pinterest per il tuo e-commerce

Foto di qualità: Il ragionamento è molto semplice. Se Pinterest, come scritto più su, è un social network che fa delle foto il suo marchio di fabbrica, è necessario che le foto siano di alta qualità e molto dettagliate. Fate risaltare i punti di forza dei vostri prodotti e uno dei modi per farlo con Pinterest è, appunto, pubblicare foto di altissima qualità.

Attenzione verso i clienti: Questo è un aspetto comune un po' per tutti i social network che, con il tempo, stanno funzionando sempre più come customer service. Rispondere in maniera tempestiva alle richieste del cliente

Organizzare contest: Quante foto scattano gli utenti al giorno che poi condividono sui vari social network? Tantissime. Ecco, con Pinterest si possono organizzare dei contest che permettono di far vincere dei premi generando egangement e, nel migliore dei casi, anche nuovi clienti.


Hai bisogno di un piano di web marketing per il tuo e-commerce? Scopri le soluzioni che ti può proporre lo staff della web agency Netminds in base alle tue esigenze. Compila il form contatti. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come usare Twitter per un e-commerce

10:09
Come usare Twitter in un e-commerce
Fonte foto: pixabay.com - edar
Vuoi allargare i tuoi orizzonti e scoprire nuove opportunità di business usufruendo delle opportunità che ti offre Twitter? In questo caso devi prestare tantissima attenzione poiché, per tantissimi motivi (quali ad esempio la lunghezza dei post e la diffusione degli hashtag), è completamente diverso da Facebook (clicca qui per leggere il nostro approfondimento su come utilizzare Facebook per un e-commerce). E, proprio per questo, bisogna agire in maniera diversa senza, però, snaturare i valori ed i colori della vostra azienda. In virtù di ciò, vi diamo tre utili suggerimenti affinché possiate utilizzare al meglio uno dei social network più utilizzati del mondo: Twitter.


Come utilizzare Twitter per un e-commerce: tre suggerimenti

Hashtag: Usare in maniera intelligente gli hashtag. Se questi ultimi su Facebook non hanno avuto un grande successo, in maniera inversamente proporzionale è l'importanza che assumono su Twitter. Questo non vuol dire che debba essere fatto un abuso e quindi usarli anche in maniera forzata ma, al contrario, usarlo solo quando servono. Un hashtag usato in maniera oculata darà i suoi frutti e amplierà il vostro audience scovando, nel migliore dei casi, clienti che mai immaginereste di trovare.

Influencer: Molto più di Facebook, su Twitter la reputazione di un utente conta tantissimo. Una campagna pubblicitaria su Twitter deve basarsi - budget permettendo - anche sullo scoprire gli influencer che possono indirizzare un acquisto da parte di utenti semplici. Del resto, non è raro trovare delle star che pubblicizzano alcuni prodotti e quegli stessi prodotti ottengono un boom di acquisti.

Accuratezza del proprio profilo Twitter: Avete un'immagine di copertina sfocata, manca la biografia o, ancora, una foto profilo semplicemente inadatta? Ecco, prima di partire con qualsiasi campagna pubblicitaria dovete curare gli aspetti basilari del vostro profilo: gli utenti su Twitter non perdonano e sono pronti a mettere in evidenza le vostre falle e debolezze. 


Vuoi sviluppare una strategia di web marketing su Twitter? Contatta lo staff della web agency Netminds che, con i suoi professionisti del settore, saprà risolvere i tuoi problemi e dare una risposta ai tuoi dubbi. Non ti resta che compilare il form contatti. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come sviluppare un blog in maniera efficace

10:29
Come sviluppare un blog in maniera efficace
Fonte: pixabay.com - geralt
Avete un blog e non sapete come svilupparlo in maniera efficace oppure avete un e-commerce con all'interno una sezione di content e volete valorizzarla al meglio? Al di là degli accorgimenti tecnici quali la cura del codice HTML, scrittura di articoli ad hoc e attenzione alle immagini, ci sono altri fattori da tenere d'occhio per poter avere un blog di successo. Questi fattori sono, spesso, di un'importanza addirittura superiore rispetto ad accorgimenti tecnici che, di solito, garantiscono anche una fidelizzazione del pubblico generando notevoli vantaggi per il sito web che dovete curare. Proprio per questo, vi forniamo tre suggerimenti utili per poter realizzazione un blog efficace senza perdere di vista gli obiettivi che sono stati predisposti.

Tre suggerimenti per sviluppare un blog in maniera efficace

Periodicità: Bisogna fissare dei giorni precisi nella pubblicazione e non "trasgredire", se non per qualche motivo eccezionale. Il motivo è abbastanza intuitivo: se scrivete ad intervalli regolari e a giorni prestabiliti, potreste ricevere molto traffico diretto poiché gli utenti sapranno che in quel determinato momento troveranno un articolo interessante da poter leggere. E ciò, infine, genera fidelizzazione.

Rendetevi unici: Un blog non è fatto per raccontare una news asettica, di qualsiasi argomento si tratti ma serve per esprimere un'opinione o un approfondimento. Esprimete il vostro punto di vista oppure - data una tematica - svolgete analisi ed incrociate i dati per giungere a delle conclusioni. In questo mondo vi creereste una buona fetta di lettori che vorrà leggere i vostri approfondimenti o, comunque, ascoltare cosa pensate su un determinato argomento.

Scrittura coinvolgente: Bisogna trovare il giusto compromesso tra l'essere formali e l'essere informali. Non solo: anche coinvolgenti. Dovete appassionare il lettore con un linguaggio a volte tecnico e a volte colloquiale cercando di fare in modo che il cliente capisca ciò che scriviate o, comunque, riceva informazioni in più per poi poter tornare sul vostro sito.


Vuoi sviluppare al meglio il tuo blog? Lo staff della web agency Netminds è composto da professionisti del settore che sapranno risolvere tutti i tuoi problemi. Compila il form contatti. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come usare Facebook per un e-commerce

11:11
E-commerce, come utilizzare Facebook
Fonte foto: flickr.com - eston Marco Paköeningrat
Volete sfruttare al meglio Facebook per promuovere il vostro portale di commercio elettronico? È un obiettivo a cui, praticamente, ambiscono tutti coloro che hanno il proprio core business online. Proprio per questo, però, gli errori che si commettono sono tanti e, qualche volta, anche gravi. Infatti, pur essendoci delle peculiarità in base alle attività che si intende pubblicizzare sul social network più utilizzato al mondo, ci sono alcune regole generali che valgono grossomodo un po' per qualsiasi tipo di prodotto. Proprio per questo, vi suggeriamo tre indicazioni da seguire se intendete attuare delle strategie di web marketing su Facebook per il vostro e-commerce. Perché sul web ogni singolo errore può costare davvero molto caro. In termini di reputazione e di business.


Usare Facebook per un e-commerce: tre suggerimenti utili

Immagini: Le immagini sono uno strumento a doppio taglio. Se utilizzate bene, come fa la nota marca di birra Ceres all'interno della sua pagina Facebook, possono essere praticamente decisive per il suo successo del vostro brand, aiutando ad incrementare non solo le vendite ma anche migliorandone la reputazione. Quindi bisogna usarla ma con la massima attenzione perché, spesso, non hanno mezze misure: o diventano "Epic Win" o "Epic Fail" (questa pagina Facebook ne raccoglie alcuni).

Coupon: Avete bisogno di aumentare le vendite del vostro prodotto? Utilizzate i coupon, in base ad alcune attività che i fan (o i futuri fan) debbano fare come ad esempio cliccare "mi piace", giocare sulla pagina Facebook o altro.

Contest: I contest sono molto utilizzati perché sono uno strumento utilissimo e, se eseguito nella maniera corretta, funziona davvero. I motivi dei successi dei contest sono da ricercarsi innanzitutto nell'elevata capacità di coinvolgimento degli utenti (di solito non è previsto alcun costo per questi ultimi) allettati dal premio finale. Ciò genera engagement, nuovi fan e - spesso - anche nuovi clienti da poter poi fidelizzare. Occhio, però, che bisogna rispettare il regolamento che prevedere lo stesso Facebook relativo ai contest.


Hai bisogno di una strategia per poter sfruttare al meglio Facebook per il tuo e-commerce? Contatta la web agency Netminds: al suo interno ha uno staff composto da professionisti del settore. Non ti resta che compilare il form contatti. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

E-commerce, in Italia il 26% delle transazioni avviene da mobile

09:58
Mobile, le transazioni via mobile stanno aumentando in Italia
Fonte: flickr.com - highwaysagency
Il mobile è sempre più protagonista nell'e-commerce. Secondo uno studio di Criteo (società che si occupa di advertising) intitolato "State of Mobile Commerce", i dispositivi non fissi stanno assumendo un'importanza sempre maggiore nell'ambito del commercio elettronico. Ed i numeri sono destinati a crescere sempre di più. Negli ultimi tre mesi di quest'anno, le transazioni da mobile negli Stati Uniti sono cresciute del 10%. Una percentuale che tenderà a salire secondo lo staff di Criteo per due motivi: il primo è da ricercarsi nella conformazione degli schermi degli smartphone che sono più grandi rispetto ai vecchi cellulari ed il secondo, invece, fa riferimento al fatto che oggi sono sempre di più i siti responsive. I numeri sono ancora maggiori in Giappone e Corea del Sud dove oltre il 50% delle transazioni riguardanti il commercio elettronico avviene su smartphone e tablet. Secondo alcune previsioni, entro la fine di quest'anno la percentuale sarà del 33% negli Stati Uniti ed il 40% in tutto il mondo.

Per quanto riguarda l'Italia, invece, c'è da dire che - almeno in questa occasione - il nostro paese sembra che stia seguendo il trend mondiale. Il 26% delle transazioni, infatti, avviene attraverso dispositivi non fissi e, di questa percentuale, circa il 55% delle transazioni in mobilità  avviene tramite smartphone e il restante 45% da tablet. I dati italiani sono addirittura superiori alla Francia, simili all'Olanda e leggermente minori alla Germania.


Vuoi un sito e-commerce che sia ottimizzato per i dispositivi mobile? Lo staff della web agency Netminds è composto da professionisti del settore: non ti resta che compilare il form contatti. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come aumentare le conversioni in un e-commerce

10:03
E-commerce, come aumentare le conversioni
Fonte: flicrk.com - Matthias Rhomberg
Quando si sviluppa un sito di e-commerce, uno dei problemi più grossi che si trova ad affrontare un rivenditore è come aumentare le conversioni. Al di là del prodotto specifico che, ovviamente, ha delle peculiarità proprie, ci sono degli accorgimenti da tenere in mente per poter incrementare le vendite ed aumentare il fatturato. Non solo per quanto riguarda politiche di prezzo o, comunque, per delle campagne di web marketing ad hoc ma si può procedere a diverse operazioni sul sito che potrebbero risultare decisive ai fini del successo del vostro portale di commercio elettronico. Ecco, quindi, tre indicazioni utili per capire come aumentare le conversioni in un e-commerce.


Come aumentare le conversioni in un e-commerce: tre suggerimenti

Massima chiarezza: No, non dovete essere vaghi nel prezzo e sulle descrizioni dei prodotti. Ad esempio, se intendete far pagare le spese di spedizione dovete dirlo subito. E non alla fine, quando, per esempio, il cliente è già sul carrello. Oppure se il prodotto non è attualmente disponibile, scrivetelo subito: magari, se li conoscete già, dite i giorni di attesa. Insomma, niente sorprese.

Design coerente: Questo vale soprattutto se avete già un negozio fisico o, comunque, un logo ben definito. Spesso è un aspetto sottovalutato su come aumentare le conversioni in un e-commerce: il design ed i colori del vostro sito web devono essere coerenti non solo con ciò che rappresentate ma anche con il vostro design ed il vostro logo. Deve essere un unicum così che l'utente non si senta a disagio trovandosi uno stile completamente differente rispetto a quello che aveva immaginato.

Descrizione prodotti: Al di là dei termini tecnici, che in alcuni prodotti è quasi inevitabile usare, bisogna parlare un linguaggio comprensibile agli utenti. Oltre a ciò, bisogna essere accattivanti e suscitare l'attenzione degli utenti. Infine, non dovete esagerare con la lunghezza perché i testi lunghi spesso non invogliano alla lettura e quindi ciò sfavorisce la possibilità di acquisto.


Hai bisogno di sviluppare un portale di commercio elettronico o attuare le strategie ad hoc che ti permettano di aumentare le conversioni del tuo e-commerce? Contatta la web agency Netminds compilando l'apposito form contatti: il nostro staff sarà a tua disposizione per trovare la migliore soluzione per il tuo business.

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come migliorare la propria reputazione online

09:53
Come migliorare la reputazione online
Come migliorare la reputazione on line fonte: Wikipedia
Come migliorare la propria reputazione sul web nonostante una concorrenza agguerrita che non fa sconti a nessuno? Soprattutto per settori competitivi, infatti, è molto difficile riuscire ad emergere o, comunque risultare attendibili di fronte agli utenti che navigano all'interno del mondo di internet. Attraverso piccoli accorgimenti e prestando particolare attenzione ad alcuni dettagli, è possibile riuscire a raggiungere il proprio intento e, quindi, diventare - se non un punto di riferimento - quantomeno una risorsa su cui si può fare tranquillamente affidamento. Ma, nel pratico, quali sono i fattori da tenere in considerazione per raggiungere questo obiettivo? Noi vi diamo tre suggerimenti utili che potrete applicare al vostro sito web oppure utilizzarli per le vostre strategie di personal branding.

Migliorare la reputazione online: tre suggerimenti

Citare: Avete trovato una notizia sul web già scritta in esclusiva da altri portali? Dovete citare la fonte, anche se dovessero risultare vostri concorrenti. No, non è un autogoal o un boomerang: menzionare qualcuno (basta un semplice link di rimando o una citazione) è vantaggioso principalmente per due motivi. Il primo è che così potreste far capire di essere una persona corretta che dà il giusto valore anche al lavoro degli altri. Il secondo è che - citando le fonti - il vostro testo risulterà più credibile poiché avreste elementi a supporto della vostra tesi.

Biografia disponibile: Chi siete? Perché scrivete quell'articolo? Qual è il vostro curriculum o, comunque, quali sono le vostre esperienze principali? Ecco, dovete dirlo così che gli utenti possano capire quali credenziali abbiate per poter redigere un testo o svolgere una specifica attività. Inoltre, dall'altra parte, se non doveste mostrare chi siete, dareste l'impressione di voler nascondere qualcosa.

Posizionamento: Sì, che vi piaccia o no dovete prestare massima attenzione alle tecniche di ottimizzazione in ottica SEO al fine di migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Infatti, tantissimi utenti non vanno oltre la prima pagina di Google e, quindi, avere un sito che non occupa delle posizioni utili, vuol dire praticamente non esistere.



Vuoi migliorare la tua presenza online? Affidati alla web agency Netminds che, al suo interno, ha uno staff composto da professionisti del settore. Compila il form contatti, ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Sito web: articoli lunghi o brevi?

10:39
Fonte: Wikipedia - Dachris
Siete alle prese con un articolo per il vostro sito web e non sapete se dovete dividere l'articolo in più parti oppure scrivere tutto in un'unica soluzione? Temete che un articolo troppo lungo possa scoraggiare gli utenti alla lettura oppure, al contrario, avete paura che un post breve possa essere sintomo di trascuratezza? A questa domanda non c'è una risposta univoca ma dipende dal contesto, dalla struttura del sito e, naturalmente, dall'argomento trattato. Spesso, infatti, si commette l'errore di scrivere post lunghissimi che non verranno mai letti fino alla fine o, al contrario, scrivere poche righe su un argomento che meriterebbe davvero un approfondimento maggiore. In ogni caso, noi vi suggeriamo tre fattori da considerare affinché possiate decidere correttamente se scrivere un contenuto lungo oppure dividerlo in più parti al fine di facilitare la comprensione degli utenti che vi leggono.


Post lunghi o brevi in un sito web: tre fattori da considerare

Argomento: Gli argomenti più di nicchia sono spesso seguiti da utenti che leggerebbero anche tante battute di una specifica tematiche. Oppure, se con il vostro pezzo risolvete un problema specifico, allora potreste - previa un'analisi approfondita su come viene trattata nel web - trattare il tutto in un'unica soluzione. Se, invece, l'argomento è più di massa, considerando che, comunque, il lettore medio non legge articoli troppo lunghi, è meglio dividere in più parti.

Frequenza: Ogni quando pubblicate un articolo? Avete dei giorni fissi oppure ogni volta che avete un'idea? Ebbene, nel caso di scadenza fisse si può tranquillamente dividere gli approfondimenti in più sezioni (come per esempio, abbiamo fatto noi quando abbiamo trattato della Gamification) mentre, se pubblicate solo quando avete tempo e voglia, conviene scrivere un contenuto lungo ed approfondito. Così si può dare l'idea che, a fronte di una pubblicazione irregolare, quando si parla di un argomento lo si approfondisce.

SEO: Google predilige articoli approfonditi e di qualità, con relative fonti. E quindi, in questo senso, sarebbe preferibile scrivere contenuti di una certa portata. Dall'altro lato, però, suddividere il proprio post può portare ad una migliore creazione e struttura di link interni. In ogni caso, comunque, nemmeno qui c'è una risposta univoca adatta per tutte le occasioni.

Hai bisogno di una strategia di copywriting che possa far incrementare il tuo fatturato e le visite al tuo sito? La web agency Netminds ha al suo interno uno staff composto da professionisti del settore che sapranno consigliarti la migliore soluzione. Non ti resta che compilare il form contatti. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---
netminds.it. Powered by Blogger.