Quali sono le dimensioni corrette delle immagini sui social network?

09:49
Dimensioni corrette delle immagini sui social network
I loghi di alcuni social network fonte: pixabay.com - stux
State sviluppando una campagna sui social network ma non conoscete l'esatta dimensione delle immagini che dovete postare? Ecco un riepilogo con le grandezze in pixel esatte affinché non possiate avere più nessun problema al riguardo e continuare a postare con massima scioltezza oltre a impostare - nei vari programmi di grafica - le dimensioni corrette. In questo modo, non solo c'è un risparmio di tempo notevole poiché il lavoro di impostazione sarà fatto solo una volta ma anche la comodità di poter lavorare tranquillamente su formati già pronti che devono essere solo "riempiti" con le vostre creazioni. Di seguito, dividendo il nostro approfondimento in due paragrafi, vi illustriamo le dimensioni consigliate per Facebook, Twitter, GooglePlus, LinkedIn, YouTube, Pinterest e Instagram.


Dimensioni immagini corrette di Facebook, Twitter, GooglePlus e LinkedIn

Facebook: Come suggerisce socialmediaexaminer.com, le immagini devono essere grandi 444 pixel per campagne che puntano ai like e agli eventi, 675 pixel per le visualizzazioni video e 900 pixel per i post sponsorizzati. Lo stesso Facebook, inoltre, scrive che le immagini del profilo debbano essere almeno 180X180 mentre quella di copertina, per quanto riguarda le pagine, deve essere 815X315. Inoltre, da non dimenticare il fatto che l'immagine per una sponsorizzazione - larga almeno 1200pixel - non deve avere un testo che superi il 20% dell'immagine stessa altrimenti il social network non farà partire la vostra campagna.

Twitter: Qui le cose sono molto più semplici: foto di copertina 1500X500 pixel, foto profilo 400X400 pixel, nei post 1024X512 mentre per Twitter Ads le immagini devono essere almeno 600X150 pixel in altezza.

GooglePlus: Ad aiutare chi possiede un profilo sul social network di Google per quanto riguarda la grandezza delle immagini, è lo stesso colosso di Mountain View. Come scrive nella sua sezione di supporto, la foto profilo più piccola che si può inserire è 250X250 mentre per la foto di copertina non si può andare al di sotto di 480X270 mentre la dimensione massima è 2120X1192. Quella consigliata, invece, è 1080X608. Il sito di Giorgio Tave, inoltre, sottolinea come le dimensioni migliori per l'immagine condivisa siano 497X373, per il link condiviso 150X150 e per l'anteprima del video condiviso 497X279.

LinkedIn: Il social network per chi cerca lavoro ha due approfondimenti (qui e qui). L'immagine del profilo deve essere 50X50 e non deve superare i due megabyte mentre l'immagine di copertina 646X220. L'immagine del profilo orizzontale deve essere grande 100X60 e 800X400 per gli aggiornamenti sponsorizzati

Dimensioni immagini corrette di YouTube, Pinterest ed Instagram

YouTube: Anche per YouTube, Google ci fornisce delle linee guida sulla dimensione delle immagini. L'immagine di copertina del canale deve essere 2560X1440 mentre le immagini quadrate saranno visualizzate a 98X98 ma si consiglia di caricare un'immagine da 800X800. Non è permessa la GIF animata.

Pinterest: L'immagine del profilo deve essere 165X165 mentre per l'immagine di copertina si consiglia 600X600. Inoltre, per quanto riguarda la bacheca completa le dimensioni corrette sono 238×284, per il board pin ed il pin nel feed se la largheza è 238, l'altezza può avere la dimensione che si vuole e ci penserà Pinterest a scalare tutto. Stessa cosa, infine, per il pin ingrandito: larghezza di 735 pixel ma l'altezza può essere varia.

Instagram: Come suggerisce Instagram attraverso un post del suo blog, le immagini possono passare da 612X612 a 1936X1936 (le immagini più grandi verranno automaticamente ridotte alle dimensioni minime). L'immagine del profilo deve essere 110X110.


Tutti questi numeri ti hanno fatto confondere e hai bisogno di qualche professionista che ti guidi nella gestione dei tuoi profili social? Nessun problema: lo staff della web agency Netminds è composto da esperti del settore che sapranno offrirti la miglior soluzione possibile. Non ti resta che compilare il nostro form contatti. Ti aspettiamo!


L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come curare un blog all'interno di un e-commerce

09:59
Come curare un blog all'interno di un e-commerce
Fonte foto: pixabay.com - geralt
Di blog ed e-commerce abbiamo già parlato in un approfondimento di qualche settimana fa illustrando i motivi per cui è importante che all'interno di un portale di commercio elettronico ci sia la possibilità di inserire un blog che possa venire aggiornato quotidianamente. Premesso, quindi, che il blog sia fondamentale, sorge un'altra domanda: come si cura un blog? Quali sono gli aspetti più rilevanti a cui bisogna tener conto se si vuol curare un blog di successo o che, comunque, generi conversioni? Ci sono tantissime cose da fare ma noi ve ne diciamo tre, di cui non si può proprio farne a meno.


Tre aspetti su come curare un blog all'interno di un e-commerce

Feedback: Attenzione ai feedback degli utenti. Cosa chiedono i lettori del vostro blog? Cosa apprezzano e, cosa, invece non tollerano? Bisogna, quindi, fare attenzione alle opinioni degli altri.

Stile di scrittura: Siate originali o, quantomeno, molto precisi (a seconda dell'argomento che trattate). Dovete essere unici: se sullo stile è molto più semplice poiché ognuno ha un proprio modo di scrivere e di fare, l'aspetto più complicato riguarda sicuramente l'approfondimento: richiede tempo e, comunque, competenza sulla tematica che si sta per affrontare. Inoltre, occhio agli aspetti riguardanti la SEO: vero è che bisogna scrivere soprattutto per i lettori ma bisogna, comunque, dare un'occhiata alle regole che applicano i motori di ricerca per posizionare gli articoli sul web.

Condivisione sui social network: Avete pubblicato un articolo? Bene, adesso pubblicizzatelo sui vari social network senza, però, spammare. Si può fare advertising su Facebook e/o Twitter, oppure creare una base di "fan" fidelizzati che non aspettano altro che un vostro post. Insomma, create attenzione ed attesa per il vostro lavoro.


Hai bisogno di sviluppare un e-commerce che al suo interno abbia anche un blog continuamente aggiornato? Contatta la web agency Netminds compilando il form contatti: il nostro staff di esperti del settore è a tua disposizione. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Social network, cosa condividono gli utenti?

10:35
Social network, cosa condividono gli utenti?
Fonte foto: flickr.com - greyweed
Gli utenti presenti sui social network hanno superato abbondantemente il miliardo. Di conseguenza, ogni secondo sul web vengano condivisi miriadi di video, immagini e testi scritti. Ma, in particolare, su Facebook, GooglePlus e Twitter quali post vengono pubblicati più frequentemente? La risposta è stata fornita dal portale go-gulf.com che, attraverso un'infografica, ha cercato di schematizzare tutti i dati che sono fuori usciti dalla sua indagine. Indagine che è stata riportata in italiano da pmi.servizi.it.

I documenti maggiormente condivisi sono le immagini con una percentuale del 43%. Al secondo posto (pari merito con il 26% a testa) ci sono opinioni, status update sulle attività e link ad articoli. Più indietro ci sono consigli, video e link a post di altri utenti. Ed in particolare su ogni social cosa predomina? Su Facebook vincono le immagini, mentre a seguire ci sono gli aggiornamenti di stato e link ad articoli. Anche su Twitter al comando ci sono le immagini, poi tweet scritti, link e video. Infine su GooglePlus, le immagini regnano ma al secondo posto ci sono i link ai blog. Insomma, le immagini sono ormai un aspetto fondamentale. Perché gli utenti condividono sui social? L'84% lo fa per supportare cause a cui tiene mentre per il 49% è importante condividere per divulgare ciò che piace e provare a convincere le altre persone a cambiare idea.


Vuoi attuare una strategia di web marketing che coinvolga gli utenti? Scrivi alla web agency Netminds compilando semplicemente il form contatti: ti aspettiamo!



L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come si comportano gli utenti quando acquistano dal mobile

15:23
E-commerce, come e cosa gli utenti acquistano dal mobile
Fonte foto: Wikipedia - HLundgaard
Come si comportano gli utenti che decidono di acquistare da mobile? E qual è il loro processo di acquisto? Queste sono domande importanti che deve porsi chi ha intenzione di sviluppare un sito di e-commerce poiché, come abbiamo già spiegato alcuni mesi fa, il volume di affari per quanto concerne il commercio elettronico ha superato il miliardo di euro. Insomma, capire come agiscono i consumatori su tablet e smartphone è di fondamentale importanza se si vuol davvero generare un business importante per la propria attività.


A rispondere alle prime due domande di inizio articolo, ci ha pensato ninthdecimal.com, una piattaforma che si occupa proprio di analizzare l'uso del web da parte degli utenti, attraverso un report denominato "Mobile Audience Insights Report" che pone la sua attenzione sui cosiddetti "CPG" (Consumer Packaged Goods: in pratica tutti i prodotti che sono consumati giornalmente dall'utente medio). Quali sono gli aspetti più rilevanti della ricerca? Che, come riporta anche news.pmiservizi.it, ben il 68% dei consumatori usa il proprio dispositivo mobile per andare alla scoperta di un brand o un prodotto mentre il 70% ne ha provato uno nuovo dopo aver visto un annuncio pubblicitario direttamente sul proprio smartphone, laptop o tablet mentre, come era prevedibile, le app del settore più utilizzate sono quelle che riguardano la spesa. In ogni caso, al di là dei numeri sempre in crescendo, ormai non solo i siti e-commerce devono essere navigabili da tutti i dispositivi ma è necessario ideare anche strategie di web marketing per poter essere competitivi sul mercato ed incrementare il proprio fatturato.


Volete sviluppare un sito di e-commerce oppure trovare le migliori strategie per poter incrementare il proprio fatturato? Siete nel posto giusto: lo staff della web agency Netminds è composto da professionisti del settore che sapranno offrirti la miglior soluzione possibile. Non ti resta che compilare il nostro form contatti. Ti aspettiamo!


L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Marketing turistico: come facilitare il sistema di prenotazione

11:40
Fonte foto: pixabay. com - geralt
Oggi, chi possiede un hotel, un B&B, un ostello etc.. etc.. deve essere necessariamente presente su internet anche attraverso delle campagne ad hoc. Il risultato di una campagna di marketing turistico è, con ogni probabilità, la prenotazione da parte degli utenti. Ma come facilitare il procedimento e rendere tutto più rapido ed intuitivo? Non bastano certamente soltanto politiche di prezzo ma c'è bisogno anche di altro. È necessario, infatti, catturare l'attenzione delle persone che intendono trascorrere dei giorni di vacanza attraverso dei piccoli accorgimenti prestando attenzione ai dettagli. Proprio per questo, infatti, vi diamo tre suggerimenti utili al riguardo.


Marketing turistico, tre suggerimenti per facilitare il sistema di prenotazione

Il pulsante "prenota": All'utente piace il vostro hotel. Dove può prenotare? Dov'è il pulsante prenota? Deve essere ben in vista senza, però, essere invasivo. Può anche avere un colore diverso rispetto al sito senza però essere dare un senso di distaccato. Deve essere notato.

Foto: La tentazione di mettere foto ingannevoli è tanta: mostrare spazi più grandi di quelli che sono, un panorama diverso da quello che effettivamente è presente etc... etc... Nulla di più sbagliato: bisogna essere veri e sinceri. Mostrarsi per quello che si è: anche perché, se il proprietario non crede alla propria struttura, chi dovrebbe crederci? Chi si è trovato male nel vostro hotel, oppure si è sentito truffato, non esiterà a scrivere recensioni negative facendovi cattiva pubblicità.

Chiarezza: Nei periodi di alta stagione alzate i prezzi? Ditelo con chiarezza. Fra l'altro è anche una cosa normale. Non fatelo all'ultimo step oppure non scrivetelo in piccolo dopo un asterisco. Alla lunga, verrete premiati. Non solo: siccome un hotel ha spesso clienti stranieri, bisogna che abbiate un cambio-valute automatico in modo che chi, per esempio, è inglese sa quanto costa - nella sua valuta - una notte nella vostra struttura.


Hai bisogno di una strategia di web marketing per la tua struttura turistica? Contatta la web agency Netminds: il nostro staff saprà trovare le migliori soluzioni per le tue esigenze. Compila il form contatti: ti aspettiamo!



L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come aumentare le vendite in un e-commerce

10:22
Come aumentare le vendite in un e-commerce
Fonte: pixabay.com - geralt
Si sa, un portale di commercio elettronico non può vivere senza conversioni. Senza, cioè, che qualche utente compia l'azione richiesta (in questo caso l'acquisto di uno o più prodotti). Ma quali azioni bisogna compiere per aumentare le vendite in un e-commerce? Non è facile, anche perché bisogna attuare le migliori strategie per garantire la maggiore soddisfazione al cliente e gli stratagemmi da usare potrebbero essere tanti. In ogni caso, noi vi diamo tre suggerimenti per poter aumentare le vendite e non, quindi, rischiare di avere tante visite fini a se stesse senza generare business. Visite che, in tal caso, sarebbero soltanto fini a se stesse.


Come aumentare le vendite in un e-commerce, tre suggerimenti

Carrello: Avete una percentuale altissima di utenti che si fermano al carrello e non proseguono nell'acquisto? Allora bisogna capire il problema o, nel peggiore dei casi, i problemi. È poco chiaro? Avete messo un prezzo extra soltanto alla fine? È lento? Non si capisce quali siano i prodotti che abbiamo scelto? Insomma, bisogna porsi tutte queste domande.

Assistenza: Alle mail rispondete dopo giorni? Non avete un servizio di live chat funzionante? Oppure al telefono non risponde mai nessuno? Ecco, questi potrebbero essere i punti dolenti del vostro sito di e-commerce. L'assistenza è uno dei fattori principali per aumentare le vendite perché il cliente, soprattutto se intendete fidelizzarlo, deve essere coccolato. E garantirgli, quindi, massima assistenza.

Sondaggi: Quali sono i prodotti che piacciono di più? E di meno? Perché? Spesso, effettuare un sondaggio tra gli utenti potrebbe farvi capire i vostri punti di vostra e di debolezza che, forse, non avevate nemmeno immaginato. E questo potrebbe farvi avere una marcia in più.


Hai bisogno di sviluppare un sito di e-commerce o di attuare degli accorgimenti tecnici per aumentare le vendite? Contatta la web agency Netminds: attraverso opportune analisi troveremo la soluzione migliore per te. Compila il form contatti: ti aspettiamo!



L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Che tipo di app utilizzano gli utenti?

16:58
Che tipo di app utilizzano gli utenti?
Fonte foto: pixabay.com - geralt
Le app stanno riscuotendo sempre più un grandissimo successo e, spesso, sono un'importante fonte di business per chi si affaccia al mondo di internet. Ma quali tipologie usano di più gli utenti? Su cosa bisogna puntare affinché il feedback sia quello aspettato? A dare una risposta è blog.appannie.com, che attraverso un'indagine ha provato a scoprire come si comportano le persone con sistemi iOS ed Android confrontando cinque mercati che stanno sempre più crescendo: Stati Uniti, UK, Germania, Giappone e Sud Corea. Come facilmente prevedibile, Facebook e WhatsApp in Occidente regnano mentre per il Giappone comandano Line e Talk. In Sud Corea c'è Kakao. Da segnalare che in Giappone il mobile gaming funge da padrone mettendo in evidenza che quadruplica il tempo impiegato su smartphone Android. Questa analisi mette in evidenza come le app vengono usate soprattutto per attività social e per i giochi. Quindi, ciò implica che qualsiasi app vogliate sviluppare deve avere necessariamente un collegamento con i social network senza dimenticare che il mondo delle app è in continua evoluzione e crescita lasciando ampi margini di business.


Vuoi sviluppare un'app per la tua attività? Contatta la web agency Netminds compilando semplicemente il form contatti: troveremo la soluzione migliore per le tue esigenze. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Perché integrare Magento con WordPress

09:58
Perché integrare Magento con WordPress
Fonte: Wikipedia - magentocommerce.com
Qualche mese fa vi raccontammo gli otto motivi per cui è importante includere un blog all'interno di un sito e-commerce. Ma con quale CMS è possibile effettuare questa operazione? Secondo magentiamo.it, è necessario usare WordPress, "il miglior CMS per la gestione di un blog". In particolare, unire Magento e WordPress potrebbe rappresentare un connubio praticamente perfetto: da una parte si usa una piattaforma di livello assoluto per gli e-commerce e dall'altra un CMS professionale per pubblicare articoli informativi inerenti la propria attività. Come viene giustamente specificato, Magento è ottimo per lo sviluppo di un sito e-commerce ma, per quanto riguarda i blog, presenta degli evidenti limiti non solo per la difficoltà che presenta ma anche perché molto limitante e macchinoso in tal senso. Del resto, Magento è stato sviluppato per il commercio online. Le lacune dal punto di vista contenutistico del software open source lanciato nel 2008 possono essere colmate da WordPress, che a sua volta in tal senso presenta notevolissimi vantaggi. Innanzitutto perché, oltre ad essere gratis (oggi ci sono diversi CMS gratuiti e quindi ciò può anche non essere più un surplus) viene continuamente aggiornato per poter eliminare eventuali bug o migliorare l'user-experience. Non solo: attraverso alcuni plug in (come Yoast, scaricato da milioni di utenti) si mostra SEO-friendly ed è personalizzabile secondo i propri gusti. Infine, aspetto da non sottovalutare, è davvero semplice da usare ed è molto intuitivo. Anche per chi si affaccia per la prima volta a questo software.


Vuoi sviluppare un e-commerce ed integrarlo con un blog? Contatta la web agency Netminds: il nostro staff saprà trovare le migliori soluzioni per le tue esigenze. Compila il form contatti: ti aspettiamo!



L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Web marketing, come organizzare al meglio il lavoro

10:01
Web marketing, come organizzare al meglio il lavoro
Fonte foto: flickr.com - Jason Howie
Dovete svolgere un'attività di web marketing ma non siete riusciti ad organizzare al meglio il vostro lavoro ottimizzando tempo e risorse? Beh, questo è un problema ricorrente soprattutto per chi non è avvezzo ad utilizzare strumenti che permettano non solo un'analisi efficace della situazione ma anche un uso sapiente dei propri profili social e delle attività che si possono realizzare sul web. Proprio in virtù di questo, il portale razorsocial.com (poi riportato in italiano da news.pmiservizi.it) ha illustrato 9 azioni da fare per poter aumentare la produttività del proprio piano di web marketing e, quindi, ottenere risultati migliori in proporzione al proprio lavoro. Dei 9 suggerimenti, ve ne diciamo tre, quelli che riteniamo più importanti.


Tre suggerimenti per migliorare la propria attività di web marketing

Calendario editoriale: Non bisogna lavorare a caso ma stilare un calendario che permetta di organizzare e coordinare tutte le operazioni. Certo, gli imprevisti possono sempre accadere ma, in linea di massima, è comunque fondamentale organizzare al meglio il lavoro.

Ottimizzare le energie "social": Curare i profili social che convertono e non per forza devono essere tutti i social media esistente. Per questo, è necessaria un accurata analisi al riguardo per valutare chi rende meglio in termini economici tra Facebook, Twitter, Instagram etc... etc...

Argomenti giusti: Ecco, questo è un punto molto importante. Bisogna trovare il trend giusto e, quindi, trovare argomenti che possano suscitare curiosità nei lettori che si possono, comunque, fidelizzare.


Hai bisogno di attuare una strategia di web marketing efficace? Contatta la web agency Netminds compilando il form contatti: il nostro staff è a tua disposizione. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Pinterest nel 2015: un social network in crescita?

10:00
Pinterest nel 2015: un social network in crescita?
Fonte foto: flickr.com - Bernard Goldbach
Qual è il futuro di Pinterest nel 2015? Riuscirà definitivamente ad esplodere anche in Italia? Ovviamente, le certezze si avranno soltanto tra qualche mese ma opportuni studi possono almeno darci una idea di come potrà evolversi durante i prossimi mesi il social network fondato nel 2010 che, nel nostro paese, nonostante vari sforzi, non riesce a decollare davvero. Già qualche settimana abbiamo parlato di come Pinterest possa essere utilizzato per aumentare il fatturato di un sito e-commerce (approfondimento consultabile qui). Proprio per questo, il portale socialmediaexaminer.com ha illustrato quale potrebbe essere il destino di Pinterest nelle settimane seguenti.

Uno studio di emarketer.com dal titolo "Will Pinterest Reach Its Potential in 2015?" evidenzia che gli utenti negli Stati Uniti di Pinterest arriveranno a 47.1 milioni nel 2015 (+11.4% rispetto al 2014)  e fino a 59.3 milioni nel 2019. Un trend in continua crescita visto che nel 2014, secondo un report di Global Web Index, Pinterest è stato il social network che è cresciuto di più rispetto agli altri. Spesso, per quanto riguarda il web marketing, chi riesce ad ottenere i risultati desiderati è colui che si muove prima ed in maniera corretta prevedendo le possibili evoluzioni nel mondo del web. E, un aiuto in tal senso, lo può dare una buona lettura dei numeri che, se interpretati correttamente, possono davvero dar vita all'idea vincente.

Hai bisogno anche tu di attuare una strategia di web marketing che sia adatta alla tua attività? Contatta la web agency Netminds che, attraverso il suo staff, saprà troverai le migliori soluzioni per le tue esigenze. Compila il form contatti: ti aspettiamo!



L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come ideare una strategia di content marketing efficace

10:09
Strategia di content marketing efficace
Fonte foto: flickr.com - SEOPlanter
Volete creare dei contenuti efficaci ma non sapete come fare per ideare una strategia veramente efficace che vi possa portare nuovi clienti o nuove visite? Prima di entrare nel vivo è necessario fare alcune premesse: la prima è che, ormai, è impossibile oggi essere sul web senza, però, creare contenuti di valore coordinati con una pianificazione per ottenere i migliori risultati attraverso il marketing. Inoltre, argomento molto importante, è vero che bisogna scrivere per vendere i propri prodotti ma il vostro contenuto non deve essere smaccatamente pubblicitario ma deve venire incontro alle esigente degli utenti che, si presume, debbano diventare futuri clienti. Anche perché gli utenti tendono a rifiutare contenuti che non forniscono valore aggiunto o, comunque, deludono le attese.


Tre suggerimenti per ideare una strategia di content marketing efficace

Organizzazione: L'organizzazione è fondamentale per la vostra attività di content marketing perché è da qui che nasce tutto. È vero che non bisogna scrivere per i motori di ricerca ma, comunque, gli articoli devono essere SEO-friendly per evitare di essere praticamente sconosciuti ai motori di ricerca. Del resto, spesso, non siete voi a cercare i clienti ma sono i clienti a cercare voi. O almeno i vostri prodotti.

Campagne social: Tutto ha un costo, anche il web marketing. Quindi è necessario investire in campagne su Facebook e Twitter spendendo il giusto che permetta poi di rientrare negli investimenti. Altrimenti rischiereste di perdere un'importante fetta di mercato.

ROI: Il ROI è il ritorno dell'investimento. In pratica quanto si è guadagnato (o perso) dopo un investimento. È importantissimo calcolarlo poiché, in questo modo, si può capire dove si è sbagliato e correggere in tempo eventuali errori.



Hai bisogno di attuare una strategia efficace di content marketing? Contatta la web agency Netminds che, attraverso il suo staff, saprà troverai le migliori soluzioni per le tue esigenze. Compila il form contatti: ti aspettiamo!



L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Come pubblicizzare gli altri profili social su Facebook

11:36
Ecco come pubblicizzare gli altri profili social su Facebook
Fonte foto: flickr.com - mkhmarketing
Come poter sfruttare Facebook per pubblicizzare gli altri profili social che avete senza, però, attivare politiche di spam che innervosiscono gli utenti? Sicuramente ci sono alcuni espedienti da dover tenere in conto ma bisogna premettere che, comunque, è necessario prestare la massima attenzione poiché promuovere gli altri profili social su Facebook può generare anche confusione tra gli utenti stessi. In ogni caso, però, vi diamo tre suggerimenti utili tratti da socialmediaexaminer.com - una delle riviste più importanti che parlano di social network - poi riportati in italiano da news.pmiservizi.it in cui vengono illustrate tutte le strategie da adottare al riguardo.


Tre suggerimenti per pubblicizzare i profili social su Facebook

Link social nelle informazioni: Quando aggiornate la vostra pagina Facebook, potreste tranquillamente mettere nelle informazioni i link ai vostri profili social in modo che gli utenti possano, con un click, vedere che siete presenti su Twitter, Instagram etc... etc...

Immagine di copertina: I link possono essere inseriti nelle informazioni della vostra pagina di copertina. In questo modo, infatti, chiunque ci cliccherà su troverà i profili social a portata di mano.

Creare un album: Creando un album fotografico con le immagini dei vari profili social in cui siete presenti, in modo da rendere agevole la ricerca e schematizzare tutto.

Hai bisogno di sviluppare una strategia di web marketing che comprenda tutti i social più consoni alla tua attività? Contatta la web agency Netminds compilando il form contatti: il nostro staff troverà la soluzione migliore per le tue esigenze. Ti aspettiamo!

L'articolo ti è piaciuto? Condividilo sui social network!


--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---
netminds.it. Powered by Blogger.