Come gestire e fare al meglio un redirect di un sito web

Come fare e gestire al meglio il redirect di un sito web
Fonte foto: pixabay.com - geralt
Volete cambiare il vostro sito ma avete paura di perdere il posizionamento acquisito su Google dopo mesi di lavoro? Non vi piace più il vecchio dominio e volete un altro ma siete timorosi? Ebbene, non avete tutti i torti. Fare e gestire al meglio un redirect di un sito web non è una cosa semplice, soprattutto se siete riusciti ad ottenere un discreto posizionamento all'interno dei motori di ricerca. Noi vi diamo alcuni suggerimenti per cercare di non sbagliare, al di là delle questioni tecniche, e quindi prevenire qualsiasi problema fermo restando che c'è bisogno di professionisti del settore per operazioni del genere.

Come gestire e fare al meglio il redirect del proprio sito web

Controllare tutti i link del vecchio sito: Prima di procedere alla migrazione, bisogna controllare tutti i link del proprio sito. È meglio che non ci siano errori 404 per evitare possibili penalizzazioni in futuro o, quantomeno, segnarli in un foglio Excel e non dimenticarli di reindirizzarli nel sito nuovo.

Attenzione alla correlazione: Se avete un link che al vecchio sito rimanda alla categoria X, non dovete rimandarla ad una categoria Y del sito web. Si creerebbe un conflitto. E, se ad esempio avete deciso di accorpare diverse categorie in una soltanto, re-indirizzate la vecchia categoria in quella nuova "macro". Ovviamente lo stesso discorso vale per il procedimento inverso e per i prodotti (se si tratta di un e-commerce).

Occhio alla sitemap.xml ed al file robots.txt: Date una controllata alla vostra sitemap e al vostro file robots per vedere se ci sono errori. Un mancato controllo potrebbe pregiudicare il lavoro futuro.

Segnalazione a Google del redirect: Come si fa a segnalare a Google il redirect del nuovo dominio? Su "Google Search Console" è presente l'opzione "Cambio indirizzo", all'interno del menù a tendina che si apre se cliccate sulla barra con la rotellina. Una volta eseguite tutte le operazioni, c'è solo da aspettare dai 15 ai 30 giorni circa affinché Google segnali in maniera definitiva il redirect ad un nuovo dominio.


Ovviamente, queste sono soltanto le indicazioni più generali ma ci sono innumerevoli fattori da tenere in considerazione su come fare e gestire un redirect, oltre alle questioni tecniche menzionate prima. Infatti, per ogni cambio dominio che effettuiamo (come nel caso di un nostro cliente per il passaggio da dimarsnc.it a dimarservice.it mantenendo il posizionamento), svolgiamo sempre analisi pre-migrazione, durante e anche post. Perché nulla può essere lasciato al caso.

Hai bisogno anche tu di un sito nuovo e quindi un redirect? Hai bisogno di strategie di marketing efficaci? Non esitare e compila il form contatti: il nostro staff esaudirà tutte le tue richieste!

--- Seguici su FacebookTwitterGooglePlus e LinkedIn! ---

Nessun commento

netminds.it. Powered by Blogger.