Reverse Time Collapse vola negli States: Carlo ci parla dell'esperienza e del connubio Meangrip-Iudav!

San Francisco è sempre più vicina. La prossima tappa del nostro viaggio ci consente di poter scambiare sensazioni e raccontare del connubio Iudav-Meangrip che sta portando alla luce Reverse: Time Collapse. Il terzo personaggio della squadra Netminds è Carlo Cuomo, il cavaliere errante.

Già cavaliere errante, perché prima di raggiungere Meangrip, Carlo Cuomo ne ha percorsa di strada. Uno dei fondatori nonché docente Iudav, un professionista con diversi anni di esperienza nel settore entertainment e innumerevoli progetti all'attivo. Diventare l'executive producer di RTC è una lieta conseguenza. La sua esperienza sarà un prezioso aiuto per fare la differenza alla Game Developers Conference.

Carlo Cuomo, docente Iudav ed executive producer di RTC

Sei l'executive producer: di cosa ti occupi nel progetto RTC?
"Tendenzialmente l'executive producer è quella figura professionale nel mondo dei videogiochi che si occupa di coordinare tutte le attività. Avendo una visione ampia di tutto il progetto: dallo storytelling alla grafica fino alla programmazione, si occupa di accorpare tutto quello che è il gioco stesso. Se dovessi trovare una definizione esatta di quello che svolgo nel progetto Reverse: Time Collapse sarebbe executive producer e designer. Contribuisco infatti anche alla parte del design, dalle meccaniche al 3D asset".

In quanto docente Iudav cosa si prova a far parte di questo team?
"Sicuramente è emozionante. Iudav e Vhei sono due progetti universitari che hanno fatto nascere in Italia e a Malta un corso di laurea in videogioco e animazione. Iudav è particolarmente coinvolta nel progetto RTC, in quanto noi siamo un corso di laurea molto particolare. Il nostro è un corso altamente pratico: facciamo produrre tantissimi contenuti digitali per i vari curriculum ma organizziamo soprattutto numerosi tirocini all'interno delle aziende leader nel settore.  Non è un caso infatti che annoveriamo diverse aziende partner importanti nel nostro portfolio. E' proprio per questo motivo che Netminds e lo spin-off Meangrip hanno fatto richiesta per diventare azienda partner del nostro istituto e avvalersi in questo modo di due tirocinanti. Siamo molto attenti a dove mandiamo i nostri ragazzi e quindi visto che abbiamo riscosso un ottimo successo con i tirocini, mi sono voluto sincerare della qualità dell'azienda.

Vuoi essere il quarto personaggio di RTC? Scarica Over Time Connection App: diventa tu il protagonista!

Da lì è poi iniziato tutto, RTC è stato un progetto di ricerca che ha avuto l'opportunità di poter lavorare con grandissimi professionisti di calibro internazionale. Mancava una figura che facesse da collante ed è qui che entro in gioco io. Sono bastati pochi minuti per comprendere la serietà dell'azienda e le potenzialità del videogioco. E' in quel momento che Leonardo Lettieri, Rocco Paladino e Dario Sanzone mi hanno chiesto di diventare executive producer. Ci siamo dunque mossi per attivare gli stage per Sergio Mazzola e Fernando Colarossi, che sono rispettivamente programmatori Unity e Rigger 3D autodesk Maya. Nel progetto hanno preso parte anche altri alunni molto meritevoli come Edoardo Galati, 3D artist e Sofia Conciarelli, animatrice ed anche altri docenti universitari. Tutto questo rappresenta un bel connubio tra Iudav e RTC, si è creata una bella armonia. Lavorare con ragazzi che hai formato tu, conoscerli neo-diplomati e poterli chiamare poi colleghi: credo che non ci sia cosa più bella. Questa è la mia più grande soddisfazione!".

Sei uno dei tre che partirà alla volta dell'America: quali sono le sensazioni e le emozioni che porterai con te?
"L'America non mi fa questo grande effetto in quanto ho già partecipato ad altri eventi simili. Sono molto tranquillo ma allo stesso tempo contento di fare questa esperienza con questo team. Credo molto in RTC perché nasconde una storia molto particolare, una sorta di formazione interna aziendale, uno studio di ricerca importante. Fin da subito mi è sembrato un progetto interessante: il primo viaggio alla Gamescom in Colonia ne è la prova tangibile. Penso sia un fiore all'occhiello della produzione italiana. Il mondo del videogioco in Italia sta crescendo molto. AESVI sta facendo un grandissimo lavoro per far riconoscere il settore videogiochi, questo porta il videogioco italiano a crescere. Oltre agli studi sta aumentando anche la qualità e Reverse: Time Collapse per quello che mostra è un gioco indie che però ha un potenziale enorme, motivo per il quale mi sono messo in gioco ed è per questo che ho deciso di partire per gli States!".


Dopo aver letto la storia dei tre cavalieri, nei prossimi giorni andremo a svelare l'esercito che c'è dietro. In attesa della partenza direzione California, diventa il quarto personaggio nel mondo Reverse: Time Collapse. Per entrare a far parte della storia infatti basterà scaricare l'app mobile Over Time Connection App per interagire con gli oggetti e la storia. Diventa tu il protagonista!

Nessun commento

netminds.it. Powered by Blogger.